Sightsavers global

Talla

Nel sito globale troverai informazioni più dettagliate sul nostro lavoro di advocacy e policy, sui nostri programmi, oltre a pubblicazioni e materiali per uso professionale.

Visita il sito

Vista

Non vogliamo sommergerti con noiose statistiche ma alcuni numeri sono davvero impressionanti. L’80 per cento della cecità si può prevenire o curare, e oltre 31 milioni di persone rischiano di perdere la vista, la maggior parte delle quali vive nei paesi più poveri del mondo. La povertà è causa ed effetto della cecità e crea un circolo vizioso che le comunità non riescono a spezzare.

Queste le principali cause della cecità che possiamo combattere grazie a tutti i nostri sostenitori:

Tracoma

Fa parte del gruppo delle “Malattie Tropicali Neglette”. È un’infezione batterica altamente contagiosa simile alla congiuntivite. Le ripetute infezioni creano cicatrici all’interno della palpebra. A questo punto le ciglia si rivoltano all’interno dell’occhio graffiandone la superficie. Il dolore è insopportabile e a questo stadio, se non si interviene chirurgicamente, il tracoma porta alla cecità.

Un bambino si pulisce gli occhi con la maglietta.

Fode Dramè è un bambino di otto anni e ha il tracoma. Presto un volontario della comunità gli darà l’antibiotico che lo proteggerà dalla malattia per tutto l’anno.

 

Oggi circa 40 milioni di persone soffrono di tracoma attivo, perlopiù donne e bambini. In passato la malattia era diffusa in tutto il mondo, ma è stata debellata decenni fa in Italia insieme alla poliomelite e al vaiolo. Per milioni di persone nei Paesi in via di sviluppo è ancora una malattia molto dolorosa che può avere conseguenze devastanti per il futuro.

La soluzione

Bastano 40 centesimi per distribuire un antibiotico che protegge dalla malattia, e 9 euro per operare una persona di trichiasi (lo stadio avanzato del tracoma). Il nostro obiettivo è eliminare il tracoma nei Paesi in cui lavoriamo entro il 2020. Abbiamo bisogno di te, aiutaci!

Cecità dei fiumi

La cecità dei fiumi (oncocercosi), un’altra delle “Malattie Tropicali Neglette”, è causata da un parassita trasmesso dalla puntura della mosca nera che vive vicino ai fiumi dove le comunità raccolgono l’acqua che serve per bere, vivere e coltivare.

Juliana è diventata cieca perchè non ha potuto prendere il farmaco contro la cecità dei fiumi, mentre la sua nipotina Nahbila di sei anni è protetta dalla malattia ogni anno grazie al Mectizan®.

Juliana è diventata cieca perchè non ha potuto prendere il farmaco contro la cecità dei fiumi, mentre la sua nipotina Nahbila di sei anni è protetta dalla malattia ogni anno grazie al Mectizan®.

 

Una volta colpito l’uomo, il parassita libera migliaia di larve che si riproducono e si diffondono in tutto il corpo e, quando raggiungono gli occhi, causano la cecità permanente. Spesso le comunità scappano dalle zone a rischio, abbandonando le loro case e l’accesso all’acqua, perdendo così la loro fonte di sopravvivenza ed esponendosi al pericolo di altre malattie.

La soluzione

Con 80 centesimi si può proteggere una persona dalla cecità dei fiumi per un anno grazie al Mectizan®, il farmaco che, se assunto per 10-15 anni consecutivi, previene il rischio di cecità. Vogliamo eliminare anche la cecità dei fiumi entro il 2020. Tu puoi aiutarci a salvare tante persone che ogni giorno rischiano di perdere la vista garantendo la distribuzione del farmaco.

Cataratta

Molti pensano che la cataratta sia un problema che riguarda solo le persone anziane, ma nei Paesi in via di sviluppo colpisce anche i bambini. È l’opacizzazione del cristallino che nel tempo rende la vista sempre più offuscata e porta alla cecità.

Il fascio di luce di una torcia illumina il viso di Afsar mostrando una grande cataratta nell'occhio destro.

Il fascio di luce di una torcia illumina il viso di Afsar mostrando una grande cataratta nell’occhio destro.

 

Anche se rimuovere la cataratta è un intervento relativamente semplice, nei bambini è vitale che si intervenga in tempo per evitare di bloccare lo sviluppo dell’occhio e compromettere per sempre le sue funzioni. Nelle comunità in cui il sostegno alle persone cieche è minimo o addirittura assente, essere colpiti da cataratta significa non avere la possibilità di andare a scuola, di guadagnarsi da vivere, di avere un futuro. Significa essere condannati alla povertà.

La soluzione

Per rimuovere la cataratta ci vogliono solo 20 minuti. Bastano 55 euro per operare un bambino e 30 euro per un adulto. La differenza è data dal fatto che per i pazienti più giovani sono necessari anche l’anestesia e il ricovero.

Scopri come è cambiata la vita di Benedicta dopo l’operazione di cataratta

Errore refrattivo

Si riferiscono ai disturbi visivi causati dall’irregolarità della forma dell’occhio. Gli errori refrattivi rendono difficile la messa a fuoco delle immagini del mondo esterno, e la visione risulta sfocata o limitata.

Un operatore sanitario indica un simbolo su una tabella.

Gli errori refrattivi più comuni sono la miopia (limitata visione da lontano), la presbiopia (limitata visione da vicino) e l’astigmatismo (curvatura irregolare della cornea). Non si possono prevenire ma, una volta diagnosticate, si possono curare con occhiali da vista, lenti a contatto o chirurgia. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che 153 milioni di persone abbiano problemi di vista causati da errori refrattivi non corretti.

Glaucoma e altre malattie dell’occhio

Il glaucoma fa parte di un gruppo più ampio di disturbi della vista e per questo è difficile da classificare. Normalmente è causato dal blocco del dotto di drenaggio dell’occhio e il conseguente aumento della pressione oculare provoca danni al nervo ottico. Si può curare con collirio, laser o intervento chirurgico, ma bisogna identificare i sintomi fin dallo stadio iniziale altrimenti i danni alla vista possono essere irreversibili.

Primo piano di Kalumba Andrew, 70 anni, affetto da glaucoma.

Ci occupiamo anche di curare l’ipovisione, la retinopatia diabetica, la cecità infantile e il gruppo (17 in totale) conosciuto come “Malattie Tropicali Neglette” che include non solo tracoma e cecità dei fiumi, ma anche l’ulcera del Buruli, il morbo di Chagas, la dengue e la dengue grave, la dracunculiasi, l’echinococcosi, l’infezione da trematodi, la tripanosomiasi africana umana, la leishmaniosi, la lebbra, la filariosi linfatica, la rabbia, la schistosomiasi, l’elmintiasi trasmessa dal suolo, la teniasi/cisticercosi e la ramboesia.
Per ulteriori informazioni sulle “Malattie Tropicali Neglette” visita il sito dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

News

Un dottore visita gli occhi di una bambina

Nigeria, obiettivo quasi raggiunto!

15 luglio 2014

Eliminare per sempre sette tra le Malattie Tropicali Neglette in Nigeria è un sogno che si sta trasformando in realtà. Continua a leggere

Una luce di speranza in Sud Sudan

Una luce di speranza in Sud Sudan

22 luglio 2014

Il Sud Sudan è una terra devastata da guerre civili e miseria. Sightsavers è presente dal 2008 per aiutare a tamponare la drammatica situazione sanitaria in cui versano un milione di persone. Continua a leggere

Benvenuti sul nuovo sito!

Benvenuti sul nuovo sito!

01 luglio 2014

Siamo felici di presentarvi il nuovo sito di Sightsavers Italia, da oggi ancora più ricco di belle storie di speranza, informazioni sui nostri progetti e su come fare una donazione che può fare la differenza! Continua a leggere

Una bambina beve acqua mentre guarda la macchina fotografica

Il 2013 porta la vostra firma!

07 luglio 2014

Il 2013 porta la firma di tutti i sostenitori di Sightsavers che hanno salvato dalla cecità milioni di bambini, mamme e papà regalando loro una nuova vita. Continua a leggere

ALTRE NEWS

Per ogni €1 che doni

76.6c

sono destinati ai nostri progetti di lotta alla cecità nel mondo

21.6c

sono destinati ai costi di raccolta fondi e comunicazione

1.8c

sono destinati ai costi di gestione

© Sightsavers International Italia Onlus, Corso Italia 1, 20122 Milano. C.F. 97653640017 Termini e condizioni Privacy e cookie

trackEvent('Time', '20:58', '1409173136', null, true) ;