Sightsavers Reports

"La cecità dei fiumi mi ha rubato la vista"

un uomo seduto difornte a casa sua.

Tu puoi aiutarci a prevenire la cecità dei fiumi

DONA ADESSO

Il fiume Pru di Asubende, in Ghana, fornisce acqua, indispensabile alle persone per vivere. Ma mette anche a rischio la loro vista, il sostentamento e la loro felicità.

Tra gli abitanti di Asubende  ci sono anche Mamodu e il suo fratello minore Yeremore. Guarda il video qui sotto e scopri come sono diventati ciechi.

"Non potrò mai realizzare i miei sogni."

Entrambi i fratelli, come tutta la comunità, erano inconsapevoli del perché la cecità colpisse così tante persone. In quanto agricoltori, il bellissimo fiume era al centro delle loro vite: coltivavano campi, pescavano, bevevano, si lavavano. Ma presto sono diventati vittime delle punture delle mosche nere che vivevano lì. La cecità dei fiumi ha privato Mamodu e Yeremore della vista, dell’indipendenza e dei mezzi di sussistenza.

Oggi, a malincuore, fanno affidamento sulla loro famiglia, già provata da tutta la fatica che la sopravvivenza comporta. A prendersi cura di loro c’è il nipote Kwane che, con la moglie Issah e altri tre bambini, vive assieme agli zii in una piccola casa fatta di fango. Quel poco che Kwane riesce a guadagnare, lo divide con i suoi zii ciechi.

Mamodu ci confida che, come capo della sua famiglia, desiderava lasciare una proprietà in eredità ai suoi nipoti e lo sconvolge pensare che non sarà mai in grado di realizzare tutti i suoi sogni.

Basta una sola puntura della mosca nera per perdere la vista

Il villaggio dove vive Mamodu con la sua famiglia ora è completamente abbondonato ed è conosciuto come il “villaggio silenzioso”. Centinaia di famiglie sono scappate per paura di una malattia, la cecità dei fiumi, che ha reso molti degli abitanti come Mamodu e suo fratello per sempre ciechi.

Le mosche nere, che sono molto diffuse lungo il fiume, portano con sè parassiti. Pungendo le persone, migliaia di larve iniziano a riprodursi sotto la pelle. Dopo anni di prurito insopportabile, alla fine i vermi raggiungono gli occhi e causano cecità irreversibile.

Con 20€ puoi proteggere 400 bambini dalla cecità dei fiumi

Ma una soluzione a questa sofferenza c’è e si chiama Mectizan®. Questo medicinale, se assunto regolarmente, interrompe la diffusione dell’infezione, assicurando che la famiglia di Mamodu non debba andare incontro alla stessa sorte degli zii.

Con il tuo aiuto, possiamo proteggere le generazioni future dalle atrocità della cecità dei fiumi. Bastano 20 euro per salvare tantissimi bambini come i nipotini di Mamodu. Dona adesso, grazie!

Due uomini ciechi guardano davanti a loro di frote alla loro casa.

Mamodu e suo fratello sono ciechi, ma il futuro delle prossime generazioni dipende da te!

Due uomini ciechi guardano davanti a loro di frote alla loro casa.

Proteggi le generazioni future dalla cecità dei fiumi

DONA ADESSO
Primo piano di Mamauda
Sightsavers Reports

La storia di Mamauda

Mamauda è un volontario per la distribuzione dei farmaci contro la cecità dei fiumi. Una volta era malato anche lui, ma ora vuole prendersi cura degli altri.

Two young girls sitting together and smiling.
Sightsavers Reports

La storia di Seynabou

Quando aveva circa due anni, i genitori di Seynabou si accorsero che aveva un problema alla vista. Oggi grazie a voi va a scuola e ha un futuro davanti a sè.

A man smiles, wearing a yellow Sightsavers tshirt.
Sightsavers Reports

La storia di Givemore

Givemore, infermiere dello Zimbabwe, si reca nei villaggi più remoti per salvare i bimbi, le mamme, i papà dal tracoma e si assicura che tutti vengano curati.