DONA ORA

Repubblica del Congo

Il lavoro di Sightsavers nella Repubblica del Congo si concentra sulla prevenzione della diffusione di malattie tropicali trascurate come la cecità dei fiumi, distribuendo trattamenti alle persone a rischio.

A man is holding up a test tube with dirty water and flies in it,

Malattie come la cecità dei fiumi sono endemiche in Repubblica del Congo, dove circa 518.000 persone necessitano di farmaci per proteggersi da questa malattia che causa cecità.

La cecità dei fiumi, una delle condizioni conosciute come malattie tropicali neglette (NTD), è diffusa dal morso di mosche nere infette che si riproducono nei pressi di fiumi a flusso rapido. La malattia può causare grave irritazione e prurito. Se non viene trattata, alla fine può portare alla cecità.

Sightsavers e i suoi partner lavorano per eliminare la cecità dei fiumi nel paese distribuendo farmaci per proteggere e curare la malattia, oltre a migliorare la qualità del trattamento formando operatori sanitari e volontari per la distribuzione dei farmaci nella comunità.

Focus

Totale popolazione
  • 5.1 milioni

  • Ci occupiamo di:
  • Cecità dei fiumi

  • I nostri programmi
  • Un miliardo di trattamenti

  • La tua donazione può salvare la vista di un bambino

    DONA ADESSO

    Altre notizie dall'Africa

    saidi smiles with his friends
    sightsavers_news

    SIFI al fianco dei bambini in Tanzania

    Dopo tanti anni al nostro fianco, nel 2021 SIFI ha deciso di sostenere un progetto dedicato proprio ai bambini di quattro distretti di questa regione.

    luglio 2021
    A young woman, wearing a mask, sits on a rug in front of her house by her walking stick
    Sightsavers Reports

    La storia di Aishatu

    Vi presentiamo Aishatu Ahmed, una ragazza di soli 19 anni che vuole incoraggiare le donne ad unirsi alla lotta contro il tracoma in Nigeria.

    nelsons-smiles
    Sightsavers Reports

    La storia di Nelson

    Nelson Gallah è un operatore sanitario nella contea di Nimba, in Liberia, ed è in prima linea per sensibilizzare la popolazione su cosa fare per bloccare il Coronavirus.

    Lavoriamo in oltre 30 paesi tra i più poveri del mondo

    Dove lavoriamo