DONA ORA

Che cos’è la cecità dei fiumi?

La cecità dei fiumi, detta anche oncocercosi, è un’infezione parassitaria che può causare grave irritazione alla pelle, prurito e, nel tempo, cecità irreversibile.

A close-up of the flies that spread river blindness.

La cecità dei fiumi si diffonde attraverso la puntura della mosca nera che si riproduce vicino ai fiumi a scorrimento veloce.

Il collegamento della malattia con l’acqua dei fiumi ha dato origine all’espressione “cecità dei fiumi”. Questa è stata coniata da Lady Jean Wilson, moglie del fondatore di Sightsavers Sir John Wilson. Fa parte di un gruppo di malattie conosciute come Malattie Tropicali Neglette.

La cecità dei fiumi comincia con la puntura della mosca nera che causa l’invasione delle larve in tutto il corpo. Queste larve si trasformano in vermi adulti che possono vivere anche per 15 anni. I vermi femmina producono ogni giorno migliaia di larve microscopiche, note come “microfilariae”, che si diffondono nel corpo e possono essere trasmesse ad altri. Quando queste muoiono, provocano forti reazioni nel corpo come irritazione, infiammazione e prurito. Se le larve arrivano fino agli occhi, si possono verificare danni irreversibili alla vista e la cecità permanente.

Oltre al dolore, alla cecità e la conseguente stigmatizzazione, un’altra delle conseguenze devastanti della cecità dei fiumi è costituita dal fatto che le persone sono costrette ad allontanarsi dalle valli fertili dei fiumi dove la malattia è presente. Di conseguenza, possono avere difficoltà a trovare altre aree adatte dove poter coltivare, e questo spinge le famiglie e le comunità verso la povertà.

205 milioni
di persone nel mondo sono a rischio di contrarre la malattia
20.9 milioni
di persone sono infette, molte vivono in Africa Subsahariana
1.1 milioni di
persone nel mondo sono cieche a causa della cecità dei fiumi

Come si cura la cecità dei fiumi?

Volontari

Le compresse di Mectizan®, donate da Merck, vengono distribuite grazie ad una rete di volontari locali chiamati distributori diretti di comunità.

Medicine

Le compresse di Mectizan® possono prevenire la diffusione della malattia. Non curano la cecità, ma aiutano a fermare l’ulteriore perdita della vista.

A man examines black fly larvae found near the the Agogo river in northern Uganda.

Cattura delle mosche

La cecità dei fiumi si combatte anche eliminando le mosche che portano la malattia, un processo chiamato controllo dei vettori.

Cosa stiamo facendo

Sightsavers lavora per eliminare la cecità dei fiumi nei paesi in cui opera entro il 2025.

Tradizionalmente, la cecità dei fiumi e la filariosi linfatica vengono trattate attraverso programmi di cura individuali. Ma, poichè vengono spesso rilevate nelle stesse aree e si possono entrambe curare con il Mectizan®, Sightsavers tratta le due malattie nello stesso momento.

Nel 2018 Sightsavers ha aiutato a distribuire oltre 40 milioni di trattamenti contro la cecità dei fiumi. Dall’inizio del nostro lavoro 65 anni fa, abbiamo fornito oltre 478 milioni di trattamenti nel mondo per proteggere la vista.

A volunteer health worker called Mary distributes a dose of Mectizan® tablets to a man in a green football shirt.

I nostri volontari

Asubende è protetta dalla cecità dei fiumi, grazie a Mary. È una volontaria della comunità, formata per la distribuzione dei farmaci.

Leggi la sua storia

Scopri le altre malattie che curiamo

Malattie tropicali neglette

Come facciamo la differenza

sightsavers_news

SIFI, protagonista nella lotta contro il tracoma

Anche nel 2019 SIFI ha sostenuto Sightsavers, con il progetto Ferma il tracoma per sempre contribuendo così a salvare la vista di milioni di persone.

ottobre 2019
Sightsavers Reports

La storia di Aahiswar

Aahiswar è preside della Rangai Middle School in India. È stato formato a riconoscere i problemi di vista dei suoi studenti così che possano ottenere l'aiuto che potrà cambiare la loro vita.

sightsavers_news

I tuoi chirurghi del cuore in Zambia

Sono sette i nuovi chirurghi formati in Zambia per operare i pazienti affetti dal tracoma, in un paese dove il 20% della popolazione vive in aree a rischio.

ottobre 2019