DONA ORA
Sightsavers Reports

Una donna speciale contro il tracoma

A young woman, wearing a mask, sits on a rug in front of her house by her walking stick

Aishatu è una ragazza di 19 anni che vive in Nigeria e si è messa al servizio del suo paese per liberarlo dal tracoma.

Un animo sensibile, formato grazie alla vostra generosità, che lavora con passione per incoraggiare le donne del suo paese a unirsi a lei nella lotta contro questa terribile malattia, prima causa di cecità per infezione nel mondo.

Il tracoma colpisce in modo sproporzionato le donne: avere altre donne in prima linea garantisce che anche loro non siano lasciate indietro nella lotta contro questo flagello.

Il ruolo di Aishatu è fondamentale perché non tutti posso svolgerlo.

Infatti, a causa delle usanze tradizionali e religiose di alcune zone, i nostri operatori maschi non vengono fatti entrare a meno che non ci sia un uomo in casa. Ciò significa che molte donne rischiano di perdere la possibilità di essere visitate e nei casi più gravi di non essere segnalate per l’intervento chirurgico che potrebbe impedire loro di diventare cieche, e solo perché chi le sta cercando è un uomo.

"Essere una donna è molto importante per trovare chi soffre di tracoma"

Aishatu racconta con orgoglio: “Essere una donna è molto importante per trovare chi soffre di tracoma perché significa che io posso entrare nella maggior parte delle case. Quando entro in una casa saluto la famiglia e spiego perché sono lì. Quindi controllo i loro occhi per vedere se sono affetti da tracoma. Se vedo che qualcuno è già allo stadio avanzato della malattia, gli spiego che la chirurgia lo aiuterà. Dico loro il luogo e l’ora in cui possono recarsi per un intervento chirurgico e che non dovranno pagare per il loro trattamento. Istruisco le persone anche su cosa fare nei giorni dopo l’operazione, spiego quali e quanti farmaci prendere, come curare la loro igiene personale per proteggersi dalle infezioni in futuro”.

Un lavoro davvero importante che svolge con grande spirito di sacrificio e molta fatica, anche perché Aishatu soffre a causa di una disabilità motoria.

“Da molto piccola ero malata” racconta “e dopo aver ricevuto un’iniezione sono diventata  disabile. A volte la mia disabilità non mi permette di camminare molto, ma a volte posso camminare. Sono stata selezionata perché pensano che io possa aiutare molto. Voglio fare questo lavoro perché ho questa disabilità e voglio che nessun altro diventi disabile come me. Ecco perché mi sforzo, perché tutti dovrebbero essere curati”.

aishantu-and-her-collegues

Aishatu ha dovuto superare i suoi limiti

La grande generosità di Aishatu la porta a superare i suoi limiti e a dedicarsi anima e corpo a un lavoro davvero faticoso che la porta a spostarsi di villaggio in villaggio, di casa in casa, alla ricerca di persone a cui salvare la vista.

“Per cercare i casi di tracoma di solito cammino, ma quando sono molto stanca uso una motocicletta per raggiungere i vari villaggi. Il mio unico problema è che mi stanco spesso e devo fermarmi a riposare. Anche se ho una disabilità la comunità crede in me. Le persone vedono che sono differente da loro, ma non me lo fanno notare perché abbiamo un obiettivo comune: fare star meglio le persone”.

Un grande obiettivo per il grande cuore di Aishatu che diventa ogni giorno più grande e ricco di soddisfazioni.

“Quando aiuto i pazienti a farsi operare sono molto felici e lo apprezzano e quando passano nel mio villaggio vengono a casa mia per salutare me e mio padre e ringraziarmi. Nessuno rifiuta l’intervento. Spiego loro in cosa consiste e dico loro che dopo l’intervento staranno meglio. Sono contenta di essere coinvolta nel programma, perché grazie all’intervento chirurgico la vita delle persone che soffrono cambia per sempre. Quando il tracoma sarà eliminato del tutto sarò felice. Grazie a Sightsavers per il programma che ha portato, prego perché Dio vi aiuti.”

Continuate ad aiutare Aishatu a fermare il tracoma per sempre.

Grazie a voi possiamo farcela.

"Quando aiuto i pazienti a sottoporsi a un intervento chirurgico, sono molto felici e lo apprezzano, e alcuni si sono persino fermati nella mia città per ringraziarmi!"

Aiuta Aishatu a salvare vite

Vorrei fare una donazione
una tantum
di:

per proteggere dal tracoma 120 bambini

per salvare dal tracoma 176 mamme e papà

per operare di tracoma una mamma

€0
€0
Seleziona il metodo di pagamento
Una bambina sorride mentre si compre l'occhio con la mano.

Tu che non ti fermi mai

I risultati ottenuti nel 2020 sono fantastici nonostante un anno difficile in cui tutto si è fermato. Tutto tranne i nostri donatori a cui va il nostro grazie!

zwaira allatta il suo bambino
Sightsavers Reports

La storia di Zuwaira

Zuwaira soffre da anni di trichiasi, lo stadio avanzato del tracoma. Per fortuna ha ricevuto il vostro aiuto anche in un periodo così terribile come la pandemia.

jeremiah sorride con una paziente

La storia di Jeremiah

Jeremiah è un infermiere oftalmico che lavora all’ospedale di Binga nello Zimbabwe ed è stato formato grazie alla vostra generosità.