DONA ORA
Sightsavers Reports

"Mi chiamo Ngurotin e fermo il tracoma grazie a voi!"

Ngurotin sorride davanti alla macchina fotografica.

In Turkana, nel Kenya settentrionale, è stato raggiunto un traguardo entusiasmante: i livelli di tracoma, la dolorosa infezione degli occhi che porta alla cecità, sono calati così tanto che è stato possibile interrompere i campi di chirurgia di massa sulla popolazione.

È una notizia veramente straordinaria. Un risultato storico il cui merito va a tutti voi donatori e alla generosità del vostro cuore.

Considerate che qui, meno di 10 anni fa, ben il 9% degli adulti aveva bisogno di un intervento chirurgico per salvarsi dalla cecità. Un risultato impossibile senza il duro lavoro dei volontari delle comunità che ogni giorno battono palmo a palmo tutti i villaggi per trovare le persone con i segni avanzati della malattia, che poi vengono messe in lista per l’intervento chirurgico nei campi di assistenza, e per insegnare alle loro comunità le buone pratiche igieniche per fermare la diffusione della malattia.

Ngurotin Lung’or è una di queste straordinarie persone.

Un lavoro faticoso che affronta con passione

Ngurotin è una volontaria di comunità che vive nel villaggio di Atesio, in Turkana, con suo marito e cinque figli. Il suo compito è insegnare alle persone a mantenere l’igiene personale e dell’ambiente in cui vivono, a lavare gli utensili, a evitare che tutti i membri della famiglia utilizzino la stessa acqua per lavarsi.

Il suo è un lavoro molto faticoso che affronta con passione: “Di solito vado di casa in casa a caccia di casi di tracoma: quando vedi che gli occhi di qualcuno hanno le lacrime e altri si lamentano di prurito agli occhi, li visito e confermo che questa persona ha il tracoma, specialmente quando le ciglia si sono rigirate all’interno dell’occhio. Quando il paziente ormai ha le ciglia rigirate all’interno, non riesce più a fare il suo lavoro normale. Quello che fa è solo stare seduto lì, non può più fare il suo lavoro normale”.

"Provo molto dolore quando qualcuno soffre di tracoma e diventa cieco”

Viene da lontano il desiderio di Ngurotin di aiutare i bambini, le mamme e i papà che soffrono a causa di questa terribile malattia.

“Ho avuto pietà per la mia gente,” racconta con trasporto, “ecco perché mi sono offerta volontaria per questo lavoro. I miei familiari, i miei parenti, i figli di altre persone, il modo in cui soffrivano, ho deciso di aiutare queste persone attraverso questo lavoro. Provo molto dolore quando qualcuno soffre di tracoma e diventa cieco”.

Un dolore che il grande cuore di Ngurotin, trasforma in gioia ogni volta che riesce a salvare qualcuno dalla cecità.

“La prima volta che ho segnalato una persona per un intervento chirurgico, quella persona è stata portata a Kakuma e l’intervento ha avuto successo. Quando la signora è tornata tutti al villaggio erano felici, io ero così felice. Quella signora era il capofamiglia, anche suo marito aveva una disabilità. Anche gli altri membri della famiglia che l’avevano abbandonata perché era cieca sono tornati e hanno capito cosa avesse passato quella persona, ed erano molto riconoscenti verso tutti i familiari e anche verso di me”.

Ngurotin visita gli occhi di un anziano.

Voi donatori rendete possibile tutto il lavoro di Ngurotin. Grazie!

“La mia speranza è che quando il tracoma sarà eliminato, tutti potranno contare su più lavoro. Coloro che lavorano nella combustione del carbone andranno a fare il loro lavoro. Coloro che stanno gestendo una piccola impresa come vendere farina di mais, dipendono dal loro lavoro e difendono la loro famiglia, questa è la mia felicità, almeno tutti potranno prendersi cura della propria famiglia”.

Esperienze come questa valgono qualunque sacrificio e riempiono di orgoglio, lo stesso orgoglio che riveste voi donatori che le rendete possibili e che con Ngurotin condividete la visione di un mondo migliore senza malattia e sofferenza.

Ngurotin visita gli occhi di un bambina.

"La mia felicità è che tutti potranno prendersi cura della propria famiglia"

Ngurotin visita gli occhi di un bambina.

Cambia una vita per sempre

Vorrei fare una donazione
una tantum
di:

per distribuire l'antibiotico a 15 famiglie

per operare di tracoma una mamma o un papà

per proteggere una intera comunità con gli antibiotici

€0
€0
Seleziona il metodo di pagamento:
Sightsavers Reports

La nuova vita di Mary

Mary aveva perso la vista a causa della cataratta. Grazie al grande cuore di voi donatori è stata operata e ora può tornare finalmente a scuola. Guarda il video!

Mary uses her surroundings to guide her round her village in Malawi.

Salva Mary dalla cecità

Mary ha dieci anni ed è cieca a causa della cataratta. La sua mamma Martha è preoccupata: come farà Mary quando lei non ci sarà più? Dona oggi e salva Mary dalla cecità!

Sightsavers Reports

La storia di Isah

Isah ha il tracoma. Non riesce più a tenere gli occhi aperti per il troppo dolore. Ha bisogno di un intervento chirurgico per non diventare cieco. Aiutalo oggi!