DONA ORA

Il viaggio per eliminare il tracoma in Gambia

Abbiamo incontrato quattro protagonisti di questo incredibile risultato.

Il Gambia è da poco diventato il secondo Paese dell’Africa subsahariana ad aver eliminato il tracoma per sempre!

Dietro questo incredibile risultato ci sono oltre 25 anni di duro lavoro e collaborazione, dai più alti livelli del Ministero della Salute ai partner locali e internazionali, dai volontari delle comunità dei villaggi dei paesi colpiti fino ai pazienti che si fidano di loro.

Abbiamo incontrato alcuni protagonisti di questo incredibile risultato.

Sarjo Kanyi, Responsabile del programma nazionale per la salute degli occhi in Gambia presso Centro regionale per la cura degli occhi di Sheikh Zayed.

“Il tracoma è sempre stato un grave problema di salute in Gambia. Ricordo che abbiamo fatto le nostre prime ricerche nel 1986: era già ormai evidente che il tracoma era diffusissimo nella comunità. Si è quindi deciso di integrare la cura degli occhi nel sistema sanitario nazionale.

Sightsavers ha sostenuto il nostro Ministero della Salute creando centri per la cura degli occhi in tutto il paese, fornendo attrezzature per lo screening e per gli inverventi chirugici dei pazienti più gravi. Siamo riusciti a formare personale specializzato nella cura degli occhi a tutti i livelli. Dopodichè abbiamo formato i volontari della comunità, che sono stati chiamati Nyatero – Nyatero, un nome locale che significa “amico degli occhi”. Chiunque nella comunità abbia un problema agli occhi, può chiedere aiuto al Nyatero, ricevere una consulenza adeguata ed essere indirizzato al centro sanitario più vicino.

Da allora le nostre azioni si sono basate sulla strategia SAFE (Chirurgia, Antibiotici, Pulizia del viso e Igiene dell’ambiente) per prevenire la diffusione del tracoma. Il coinvolgimento della comunità è molto, molto importante per prevenire e curare questa terribile malattia. É fondamentale far capire alle persone cosa devono e non devono fare per evitare che il tracoma si diffonda.

Sono convinto inoltre che l’eliminazione del tracoma in Gambia avrà un impatto positivo anche sullo sviluppo sociale ed economico del paese, perché le persone saranno indipendenti, potranno lavorare, andare a scuola e imparare un mestiere”.

Lamin Camara, infermiere oftalmico presso il Centro sanitario Brufut a Banjul.

“Sono coinvolto nella lotta al tracoma da quando mi sono laureato. All’università ci hanno insegnato che cos’è questa malattia e come si combatte. Quando ho iniziato a lavorare nel 2014 in un mese ho operato circa 50 pazienti che soffrivano di trichiasi, lo stadio più avanzato del tracoma. Ho dovuto fare operazioni sul campo perché le persone erano troppo anziane per venire in clinica e la strada per arrivarci è molto difficile da percorrere. Gli operatori sanitari del mio villaggio hanno trovato un’aula in una scuola dove potevo operare, quindi ho organizzato tutte le mie cose, sono andato lì e ho eseguito gli inverventi. Dopo l’intervento di trichiasi i pazienti si sentono bene e non hanno più dolori.

La diffusione del tracoma è diminuita moltissimo dopo che abbiamo informato le comunità su cosa fare per prevenire la malattia. Ho spiegato alle persone che possono stare meglio se imparano a prendersi cura della salute dei loro occhi e se sono attenti a lavarsi con acqua pulita. “

Ebrima Busia Drammeh, volontario di comunità.

“Ogni volta che vedo persone con problemi agli occhi soffro con loro. Anche se non li conosco, parlo con loro e spiego dove possono andare per chiedere aiuto. Sono un Nyatero da più di 15 anni.

Molto tempo fa durante un campo visite in cui facevo il volontario, ho incontrato un bambino che aveva il tracoma. Ho informato Lamin, che a sua volta ha segnalato questo caso alle autorità competenti. L’intero villaggio è stato sottoposto a screening e tutti hanno ricevuto le medicine per guarire dal tracoma. Da quel momento non ho mai più sentito di un caso di tracoma in quel villaggio. L’epidemia era stata fermata.

Cerco sempre di educare le persone a prendersi cura dei loro occhi. Consiglio loro di mantenere pulito il luogo dove abitano perché un ambiente sporco incoraggia la diffusione del tracoma. Dico sempre ai bambini che quando si svegliano la mattina, devono lavarsi le mani e il viso in modo che i loro occhi siano sempre puliti. Seguendo queste semplici regole, il tracoma si può fermare per sempre!”

Fodey Kandeh, ex paziente affetto da tracoma.

“Prima di essere operato, anche aprire gli occhi era impossibile per me. Sentivo tantissimo dolore: mi sono strappato le ciglia ma sono cresciute di nuovo e più forti di prima. Ho quasi perso la vista da un occhio.

Mi sono reso conto che se non avessi ascoltato il consiglio dell’operatore sanitario avrei avuto sempre più problemi. Quindi ho preso la decisione più giusta: sono andato ad un campo visite e sono stato operato gratuitamente. Ora posso vedere chiaramente da entrambi gli occhi senza probleami e non sento più dolore.

Lavoro come guardiano notturno. Poter vedere per me è molto importante: con la mia torcia posso vedere ovunque all’interno dell’edificio che devo sorvegliare. Grazie al mio lavoro posso guadagnarmi da vivere. Se non fossi stato operato ora sarei senza lavoro e la mia vita sarebbe completamente diversa.”

Scopri come è cambiata oggi la vita in Gambia

Sarjo Kanji

“L'eliminazione del tracoma in Gambia è un sogno che si realizza. Ho lavorato senza sosta 25 anni per questo traguardo. Ora sono la persona più felice del mondo. Come se mio figlio si laureasse con lode all'Università. Questo è il mio regalo per i gambiani."

Ebrima Busia Drammeh

“Da quando abbiamo eliminato il tracoma viviamo in un paese diverso. Ora che non c'è più il tracoma nel nostro piccolo villaggio, esiste una possibilità per i bambini di andare a scuola serenamente. Se possono vedere vuol dire che possono imparare."

Lamin Camara

“L'eliminazione del tracoma ha un effetto positivo sul nostro sistema sanitario. Ora possiamo concentrarci su altri problemi di salute pubblica. Ho passione per il mio lavoro e mi sento bene ogni volta che vado nella comunità e vedo che il tracoma non c'è più."

"Vedere che qui in Gambia il tracoma è stato sconfitto per sempre mi rende la persona più felice del mondo"

- Sarjo Kanji

La tua donazione può salvare un bambino dalla cecità

DONA ADESSO
victor sorride durante una sessione di distribuzione dei medicinali

Victor, il vostro uomo sul campo

Victor è uno dei nostri fantastici volontari che distribuisce medicinali nella comunità di Bono, in Liberia, e ci racconta perchè ama tanto il suo lavoro.

A patient is interviewed by a member of Sightsavers staff as part of a project.

Come combattiamo il glaucoma in Nigeria

Grazie al progetto Keep Sight i nostri medici stanno imparando nuovi metodi per trattare i pazienti che rischiano di perdere la vista a causa del glaucoma.

A man and a woman stand outside before beginning surveys for the Onchocerciaisis Elimination Mapping project.

Mappare la cecità dei fiumi in Mozambico

Abbiamo incontrato Clécio e Silvia, il dinamico duo che sta aiutando a mappare la cecità dei fiumi in Mozambico. Scopri di più sul loro incredibile lavoro!