DONA ORA

Cinque storie di vita dal Benin

Il programma Accelerate, supportato da Sightsavers, mira a eliminare il tracoma. In Benin, 5 pazienti ci raccontano come il programma ha cambiato le loro vite.

La disabilità visiva colpisce più di 2 miliardi di persone in tutto il mondo. Nell’affrontare questa crisi globale, tutti contano e tutti hanno un ruolo da svolgere.

Accelerate è un ambizioso programma supportato da Sightsavers per eliminare il tracoma, un’infezione degli occhi dolorosa e debilitante che può portare alla cecità. L’iniziativa mostra come la collaborazione tra il personale, i partecipanti al programma, i donatori e i ministeri nazionali della salute può aiutare ad affrontare enormi problemi di salute pubblica ed eliminare malattie dolorose ed evitabili.

Accelerate sta avendo un enorme impatto in Benin, dove il tracoma è endemico e molte persone sono a rischio di cecità.

Qui puoi incontrare persone le cui vite sono state trasformate dopo il trattamento per il tracoma e vedere come il nostro personale sta facendo la differenza.

Cos'è il tracoma?

Il tracoma inizia come un'infezione batterica che può essere facilmente trattata. Ma se non curata, può causare dolore e, infine, cecità.

Scopri di più

Sonbobia: un capo villaggio in prima linea per aiutare la sua gente

Sonbobia è il capo del suo villaggio nel dipartimento di Borgou, una delle 12 regioni del Benin. Nel 2019 è stata una delle prime persone nel paese a sottoporsi a un intervento chirurgico per curare il tracoma avanzato, noto come trichiasi.

Ora è un appassionato sostenitore della cura degli occhi e dissipa i miti nella sua comunità sulla chirurgia della trichiasi per incoraggiare le persone a chiedere aiuto.

“Ci sono persone che temono le conseguenze, dopo l’intervento chirurgico”, dice. “Hanno paura che la procedura chirurgica possa complicare la loro condizione attuale. Dico loro che, in questo caso, l’intervento chirurgico non interesserà i loro occhi, ma piuttosto la pelle che copre ogni occhio. Per cui non bisogna avere paura”.

Safia: una nonna che riscopre il suo lavoro dopo l'operazione

La chirurgia delle palpebre ha aiutato Safia a riconquistare la sua indipendenza. Dopo aver sviluppato il tracoma, si era affidata a sua nipote, Moussaya, per aiutarla nel suo lavoro di produzione di senape e burro di karitè poiché non poteva più farlo da sola.

“È iniziato con una sensazione di formicolio, come se avessi dei ramoscelli negli occhi”, dice. “Era anche prurito, specialmente nelle giornate di sole”.

Dopo aver visitato l’ospedale di Boko, Safia è stata sottoposta a un intervento chirurgico che le ha salvato la vista. “Ora che sto bene”, dice, “riprenderò il mio lavoro come facevo prima. È una gioia.”

Fousseni: un talentuoso tappezziere che ora può tornare a lavorare

Dopo un intervento chirurgico alle palpebre, Fousseni è potuto tornare al suo lavoro minuzioso realizzando scarpe e cucendo sedili e materassi per moto.

“Potevo ancora vedere prima dell’intervento, ma era difficile”, dice. Le sue ciglia si sfregavano contro i suoi occhi, causandogli un dolore pungente, quindi era solito tagliarle ogni mattina usando una lametta.

“Dal mio ritorno dall’operazione, sto bene. Non sento più il bisogno di tagliarmi le ciglia. Dopo l’intervento mi sento bene. I miei occhi sono più chiari ora e posso vedere chiaramente”.

Sina: un capo villaggio che può continuare il suo lavoro nella comunità

Il capo villaggio Sina ha 105 anni. Anni fa, quando lavorava come agricoltore, iniziò ad avere problemi con la sua vista. “Ho iniziato a sentirmi come se avessi dei granelli di sabbia negli occhi”, dice. “Questo mi ha fatto capire che c’era un problema serio.

“Non sono diventato completamente cieco… ma con l’età è peggiorato. Se gli occhi funzionano bene, puoi andare dove vuoi. Se non riesci più a vedere, mentre cammini cadrai in buchi che puoi facilmente evitare quando vedi.”

Descrivendo il momento in cui ha saputo che poteva essere curato per il tracoma, Sina dice: “E’ stata una gioia. Quando sei malato e ti viene offerto un trattamento, può esserci solo gioia. Sarò più felice dopo l’intervento. Potrò visitare la mia gente nel villaggio».

Adou: un agricoltore che può tornare a prendersi cura dei suoi animali

L’agricoltura è ciò che Adou conosce meglio. “Prima coltivavo molto”, dice. “Guarda le mie mani: guarda come stanno.” Ha iniziato a notare problemi alla vista e un formicolio agli occhi, che è andato gradualmente peggiorando fino a quando non ha più potuto svolgere i suoi compiti abituali senza l’aiuto dei suoi figli.

Prima di ricevere un intervento chirurgico alle palpebre, era diffidente del risultato. Ma ora dice: “Mi sento molto meglio. Non c’è dolore, nessun formicolio. Se non avessi detto “aspetta tre giorni prima di lavorare”, sarei sul campo in questo momento. La paura è sparita”.

Scopri il nostro lavoro per eliminare il tracoma

Come combattiamo il tracoma
Locandina concerto Vecchioni
sightsavers_news

Concerto di Roberto Vecchioni a favore di Sightsavers

Il concerto, che si terrà il 13 ottobre 2024, sarà un'occasione per sostenere le attività di Sightsavers Italia nel suo impegno per lottare contro la cecità.

giugno 2024
sightsavers_news

L'aiuto di Diadema per salvare la vista

Da un anno Diadema Farmaceutici è nostra alleata per curare le malattie che portano alla cecità nei Paesi più poveri.

febbraio 2024
volontari felici dopo aver corso la maratona per sightsavers
sightsavers_news

Torna a correre con noi alla Milano Marathon 2024!

Ci siamo, tutto ricomincia. La Milano Marathon torna nella primavera 2024! Torna a correre con noi per fermare il tracoma.

gennaio 2024