DONA ORA

Ri-Diamo Onlus salva la vista dei bimbi di un intero distretto dell’India

giugno 2019
Tre ragazzine tengono in mano un cartello per ringraziare Ri-diamo.

Nelle aree più povere dell’India, dove le condizioni di vita sono molto difficili, prendersi cura dei propri occhi è spesso un lusso inaccessibile.

Questo accade a causa dei costi delle cure, per l’impossibilità di raggiungere le strutture sanitarie, per la diffusa ignoranza sulle possibili cure delle malattie degli occhi e la presenza di problemi più urgenti, come quello di procurarsi da mangiare.

Eppure qui l’importanza della vista per i bambini è ancor più cruciale, perché lo studio è l’unica possibilità di riscatto che hanno: se non potessero vedere i libri o la lavagna, rimarrebbero intrappolati in una spirale di povertà da cui diventerebbe impossibile uscire.

Ecco perché Ri-Diamo Onlus ha deciso di finanziare per tutto il 2019 il Programma per la Salute degli Occhi nelle Scuole, dedicato agli alunni dai 5 ai 17 anni, in tutto il distretto di Raisen: gli insegnanti vengono formati a riconoscere la presenza dei problemi di vista, gli alunni segnalati dagli insegnanti sono visitati da professionisti, i bambini con errori refrattivi ricevono gli occhiali e quelli che hanno bisogno di ulteriori approfondimenti vengono indirizzati alle strutture sanitarie dove possono ricevere visite e cure.

Ri-Diamo è un’associazione nata per iniziativa di un gruppo di avvocati e del loro studio legale per “ridare” un sorriso a bambini e giovani in situazioni di grave difficoltà.

Sostenendo questo progetto, Ri-Diamo trasforma non solo il futuro dei bambini che ne beneficiano direttamente, ma anche la vita delle future generazioni del distretto, perché cambia la mentalità delle comunità diffondendo la consapevolezza dell’importanza della salute degli occhi e dei modi in cui prendersene cura. L’impatto è quindi straordinario e duraturo.

Una struttura che mostra il contesto dell'ambiente circostante.
In India le fasce più povere della popolazione vivono in condizioni molto difficili

Nikita, nelle foto, ha 13 anni e frequenta la 7a classe nella scuola statale del villaggio di Kalitor.
Vive con la mamma casalinga, il papà contadino, due sorelle e due fratelli.
Si è accorta che la vista le stava creando dei problemi nello studio e non era più nitida: faceva fatica anche a vedere la lavagna.

Quando ha sentito delle visite che si stavano svolgendo a scuola, ha confidato i suoi problemi all’insegnante che ha subito esaminato la sua vista, confermando l’esistenza di un problema, e l’ha inserita nell’elenco degli alunni da sottoporre all’esame della rifrazione. Da questo esame è emerso che Nikita è miope.

Quando ha indossato gli occhiali si è subito resa conto della grande differenza nella sua vista. I suoi genitori sono molto contenti perché Nikita finalmente vede di nuovo bene, può proseguire i suoi studi con profitto e partecipa con entusiasmo anche alle attività extra-curricolari.

Guardate com’è felice ora!

Per maggiori informazioni www.ri-diamo.org

Da parte di Nikita e dei tantissimi bambini che Ri-Diamo Onlus sta aiutando: GRAZIE MILLE!

Vuoi saperne di più?

Il nostro lavoro in India
Nalukena è insieme a due suoi amici e sorridono felici.
sightsavers_news

Desio rinnova il suo impegno nella lotta alla cecità evitabile

Desio ha scelto di sostenere di nuovo Sightsavers Italia permettendo di salvare la vista di decine di migliaia di persone nei Paesi più poveri del mondo.

maggio 2020
Givemore visita un gruppo di bambini in fila.
sightsavers_news

Il programma per le malattie tropicali neglette per combattere COVID-19 in Africa

Uno dei programmi sulle malattie tropicali neglette di Sightsavers potrebbe svolgere un ruolo importante nella mitigazione dell'impatto di COVID-19 in Africa.

maggio 2020
A pair of glasses, a pen and a computer on a desk.
sightsavers_news

Quattro consigli per mantenere i tuoi occhi sani

Abbiamo raccolto dei suggerimenti utili e semplici per aiutarti a proteggere la vista e per rendere questo periodo di isolamento il più confortevole possibile.

aprile 2020