DONA ORA
Sightsavers Reports

"Tutti i bambini sono uguali"

ottobre 2018
Students from Gbendembu School in Sierra Leone.

In Africa i bambini con disabilità sono considerati un peso: non vanno a scuola e quello che li aspetta è un destino fatto di solitudine, di emarginazione.

Tutto questo rende un dramma la loro condizione. Ma per merito di voi donatori qualcosa si può fare.

In Sierra Leone il progetto Education for All (Educazione per Tutti), finanziato dall’Unione europea e dalle vostre donazioni, sta cambiando la vita di questi bambini consentendo loro di imparare insieme ai loro compagni.

Siamo nel distretto di Bombali e il nostro progetto sta dando i suoi frutti.

Hassanatu durante la lezione alla scuola Gbemdembu con i piccoli allievi del primo anno

"La percezione della disabilità è che si tratti di persone che non possono fare nulla"

Marshall, il coordinatore del progetto, ci racconta che senza istruzione i bambini con disabilità finiranno per mendicare per le strade.

“Nella nostra comunità la percezione della disabilità è che si tratti di persone che non possono fare nulla”, spiega, “Alcune persone si riferiscono a loro come a una maledizione, come a una punizione.”

“Se sei una persona con disabilità che non va a scuola o non impara una particolare abilità, sarà difficile sopravvivere perché ci sono molte sfide: la casa, le strutture mediche, che sono insufficienti, e persino il cibo. Se non impari qualcosa, è davvero difficile procurarti del cibo. “

I piccoli studenti della scuola primaria Gbemdembu, nel distretto di Bombali

Far ripartire da zero gli insegnanti

La situazione è davvero drammatica secondo Marshall, perché le famiglie che hanno figli con disabilità li trascurano totalmente. “Li deprivano”, dice Marshall, “Alcuni li chiuderanno in una stanza buia, li lasceranno nelle loro case senza dare loro l’opportunità di accedere all’istruzione. Pensano che sarebbe una perdita di tempo.”

La scuola poi sarebbe un altro problema. Insegnanti non preparati e compagni di scuola non sensibilizzati aumentano il disagio di questi bambini a cui nessuno sembra pensare più.

“All’inizio non li consideravamo come alunni, li prendevamo come bambini che non avrebbero mai fatto nulla nella comunità”, ammette tristemente Fatima, un’insegnante in una scuola elementare rurale.

Ma oggi, grazie a voi, Fatima e la sua collega Hassanatu hanno una formazione su come insegnare ai bambini con difficoltà di apprendimento e hanno eliminato pregiudizi e reso possibile un nuovo atteggiamento.

“Abbiamo imparato a trattare tutti i bambini allo stesso modo, non avremmo dovuto giudicarli per il loro problema”, rivela Hassanatu.

Hassanatu aiuta una piccola studentessa con problemi di udito

Trasformare gli atteggiamenti a scuola

Ora nelle classi di Hassanatu e Fatima ci sono bambini con diverse disabilità che studiano insieme ai loro compagni di classe: Aminata, una bambina con disabilità visive, Mohammed, che ha una disabilità fisica e Ali e Hassanatu, che hanno entrambi problemi di udito.

“Mohammed non può entrare e uscire dal suo posto, se ha bisogno di acqua chiedo a uno dei bambini di andare a prenderne un po’ per lui”, spiega soddisfatta Hassanatu.

“Alcuni bambini non sentono, quindi usiamo il tatto, comunichiamo con loro facendo dei segni. Alcuni bambini hanno problemi agli occhi, non riescono a vedere bene la scrittura, quindi li chiami alla lavagna”, aggiunge sorridente Fatima.

Creare un luogo più accogliente

Gli insegnanti hanno modificato i loro metodi, facendo una grande differenza per la capacità di apprendimento dei bambini. Ancora più importante, gli insegnanti sono la ragione per cui i bambini sono qui.

“Ogni studente dovrebbe essere trattato come gli altri bambini e noi non dobbiamo abbandonarli mai”.

E questo rende la scuola un luogo più accogliente per i bambini, come spiega Hassanatu. “Insegno ai miei colleghi insegnanti come gestire questi bambini a scuola, e diciamo agli altri bambini di assisterli sempre, di includerli nel loro gioco. All’inizio li mandavano via, ma ora sono loro a invitarli a unirsi. E tutto questo è stato raggiunto dopo appena cinque giorni di insegnamento”.

Serve il vostro aiuto per raggiungere ancora più bambini

L’impatto sulla vita dei bambini e sulle comunità è veramente enorme e positivo. È una soddisfazione straordinaria vedere i bambini passare dal pianto al sorriso.

Ma il nostro è un progetto pilota che coinvolge solo 45 scuole su 700 e solo a Bombali, uno dei 14 distretti in Sierra Leone.

Quindi al momento la maggior parte dei bambini con disabilità del paese è ancora destinata a una vita di emarginazione ed elemosina, nel migliore dei casi.

Per questo è indispensabile l’aiuto di tutti voi donatori.
Solo con voi questi bambini potranno ricevere un’istruzione e immaginare un futuro migliore. Aiutateli a sentirsi bambini come tutti gli altri.

La loro vita è nelle vostre mani.

"Ogni studente dovrebbe essere trattato come gli altri bambini e noi non dobbiamo abbandonarli mai"

Con 58€ regali un corso di educazione inclusiva

DONA ORA
Haja ha gli occhi molto gonfi, sinonimo della sua cecità-
Sightsavers Reports

La storia di Haja

Haja è bambina cieca della Sierra Leone e ha un sogno: diventare una maestra! Grazie a voi donatori il suo sogno può diventare realtà.

luglio 2018
Il Ministro dell'istruzione del Senegal è accampagnato da ispettori sul cantiere di una residenza per studenti, portano il casco di protezione
sightsavers_news

Il Senegal e Sightsavers insieme per l’Educazione Inclusiva a scuola

Sightsavers e il Senegal stanno lavorando insieme per promuovere l'Educazione Inclusiva e dare ai bambini ciechi la possibilità di frequentare la scuola.

luglio 2017
sightsavers_news

Educazione inclusiva: Sightsavers India riceve un prestigioso premio

Sightsavers India premiata per il suo programma di educazione inclusiva che aiuta i bambini con disabilità visive ad andare a scuola. 

marzo 2018