DONA ORA

Uganda

L'obiettivo di Sightsavers in Uganda è promuovere l'inclusione sociale e combattere le malattie tropicali neglette. Nel 2020 abbiamo visitato gli occhi di 3.000 persone e contribuito a realizzare più di 1.000 operazioni che salvano la vista.

A group of smiling schoolboys in Kasuleta, a small rural village in Uganda.

Sightsavers, una volta conosciuta come Royal Commonwealth Society for the Blind, ha cominciato a lavorare in Uganda nel 1954.

I nostri primi programmi miravano a controllare la cecità dei fiumi, una delle malattie tropicali neglette, e offrire riabilitazione a coloro la cui vista non poteva essere salvata.

Nel 1994 Sightsavers ha aperto il suo ufficio a Kampala e l’anno successivo ha iniziato a lavorare per aiutare i bambini ciechi o ipovedenti a frequentare la scuola tradizionale insieme ai bambini che ci vedono. Dal 2010 il nostro obiettivo strategico è di rafforzare i sistemi sanitari locali, promuovere l’inclusione sociale e combattere le malattie tropicali neglette.

L’Uganda è anche sede del nostro premiato progetto Connecting the Dots, che offre formazione professionale ai giovani con disabilità e li aiuta a trovare lavoro e sostenersi finanziariamente. Il progetto ha trasformato l’atteggiamento nei confronti della disabilità e dimostra ai potenziali datori di lavoro come possa essere un vantaggio assumere  persone con disabilità.

Simon Peter è stato un bambino soldato e proprio un proiettile lo ha reso cieco all’età di 11 anni. Dopo anni di intensa sofferenza, il programma Connecting the Dots di Sightsavers in Uganda lo ha aiutato a formarsi per diventare un insegnante di lavoro a maglia. Il programma gli ha permesso di riguadagnare la sua indipendenza e di cambiare la sua attitudine nei confronti della disabilità: oggi ha un lavoro a tempo pieno e insegna agli studenti presso un istituto di formazione professionale, e può occuparsi di sua moglie e del loro bimbo di 10 mesi.

Focus

Totale popolazione
  • 44.2 milioni

  • Ci occupiamo di:
  • Cataratta
  • Diritti dei disabili
  • Cecità dei fiumi
  • Tracoma

  • I nostri programmi
  • Combattere il tracoma
  • Connecting the Dots
  • Operazioni di cataratta
  • Ridurre la cecità dei fiumi
  • CATCH

  • Se siamo tutti ugandesi, allora dovremmo essere trattati allo stesso modo. Questo è quello che voglio vedere cambiare.
    Edith Kagoya, Direttrice del Programma

    Come facciamo la differenza in Uganda

    Un uomo cieco sra lavorando a maglia con l'aiuto di un insegnante.

    Combattere gli stereotipi

    Isaac ha perso la vista sette anni fa dopo aver preso uno schiaffo in faccia. Oggi studia cucito e il suo futuro si è trasformato in speranza.
    Leggi la sua storia

    Sensibilizzazione

    "La radio consente alle persone di porre domande e sensibilizzare così un gruppo sempre più grande di persone", afferma William Mugayo, speaker radiofonico.

    Comunità locali al centro

    "Volevo aiutare le persone perché stavano morendo. Oggi voglio salvare la mia comunità e poter dare loro le medicine di cui hanno bisogno" ci racconta Ajuna, volontaria.

    La tua donazione può salvare la vista di un bambino

    DONA ADESSO

    Altre notizie dall’Africa Orientale

    sightsavers_news

    Grazie a SIFI un passo avanti contro la cecità dei fiumi

    Anche quest’anno SIFI, dopo sette anni continuativamente al nostro fianco, conferma il suo impegno per salvare la vista nei Paesi in via di sviluppo.

    luglio 2022
    The Kigali Convention Centre in Rwanda is lit up in purple light for World NTD Day.

    Giornata mondiale delle Malattie Tropicali Neglette: aggiornamenti dal mondo

    Il 30 gennaio 2022, lo staff e i sostenitori di Sightsavers hanno celebrato questa giornata in tutto il mondo per parlare dell'eliminazione di queste malattie.

    A Natale regala un giorno speciale!

    Il tuo cuore ha regalato un giorno speciale per tanti bimbi nel mondo. Come la piccola Rabia che, grazie a voi, oggi ci vede. Sono ancora tanti i bimbi che aspettano: regala anche a loro un giorno indimenticabile e pieno di luce!

    Lavoriamo in oltre 30 paesi tra i più poveri del mondo

    Dove lavoriamo