DONA ORA

Cure degli occhi e COVID-19:
cosa abbiamo imparato durante la pandemia

Four patients wait while socially distancing for their trauchoma surgery while wearing PPE and face masks.

L’impatto del COVID-19 sulle persone con problemi di vista è stato devastante. Non solo è stato loro impedito di trascorrere del tempo con le persone più care, ma molti non hanno potuto accedere a cure vitali.

Quando sono cominciati i primi lockdown all’inizio del 2020, siamo stati costretti a sospendere gran parte del nostro lavoro. Da quando queste misure si sono allentate, la nostra priorità è stata quella di riavviare il nostro lavoro in modo rapido e sicuro, fornire diagnosi e cure necessarie e rispondere alla crisi, costruendo un’assistenza sanitaria più forte per il futuro.

Ma la pandemia è tutt’altro che finita ed è più importante che mai per noi celebrare l’importanza della vista e aumentare la consapevolezza della disabilità visiva globale.

Per la Giornata Mondiale della Vista di Ottobre 2020, avevamo chiesto ad alcuni membri del nostro personale locale come avevano adattato il loro lavoro alla pandemia. Un anno dopo, vogliamo scoprire come è cambiato il loro lavoro ora che conviviamo con il COVID-19 da più di 18 mesi: leggi le loro storie qui sotto.

In Bangladesh, i pazienti dei campi visite di Sightsavers devono seguire le linee guida sul distanziamento sociale per ridurre la diffusione del COVID-19.

Syeda Asma Rashida
Project manager, Bangladesh

“Il COVID-19 ha portato molte sfide ai nostri programmi per la salute degli occhi. C’è stato un lockdown a livello nazionale da Marzo 2020 e tutte le restrizioni sono state ritirate ad Agosto, quindi i nostri programmi hanno faticato a raggiungere gli obiettivi e avviare nuovi progetti sul campo. Tuttavia, abbiamo lavorato duramente per adattare il nostro modo di lavorare.

“Abbiamo seguito le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e del governo del Bangladesh sui protocolli per la cura degli occhi e l’abbiamo condiviso con i nostri partner. Utilizzando il budget aggiuntivo di Sightsavers, abbiamo fornito mascherine per il viso, guanti, dispositivi DPI e disinfettanti. Le nostre nuove politiche si applicano in ogni fase, dalla sala d’attesa alla sala d’esame e oltre.

“Il COVID-19 ci ha anche portato a lavorare virtualmente. Molte persone in Bangladesh non avevano esperienza di lavoro con i computer, quindi abbiamo organizzato una formazione informatica, che ha migliorato le competenze di tutti.

“È importante che il nostro lavoro raggiunga le persone più isolate e vulnerabili. I nostri ospedali partner si sono affidati a volontari della comunità per identificare i pazienti affetti da cataratta nella loro zona: tenevamo campi oculistici vicino alle case delle persone, ma il governo ha limitato le riunioni di massa, quindi sono stati interrotti. Il Chirurgo Civile ha ora dato l’approvazione verbale per farli riprendere: ci impegniamo a farlo nel modo più sicuro possibile, quindi abbiamo anche ricevuto l’approvazione scritta per ricominciare i nostri campi visite.

“Il nostro lavoro è diventato più visibile al Chirurgo Civile durante la pandemia. I Chirurghi Civili sono nominati dal governo per ogni distretto del Bangladesh. Agiscono come manager sanitari per il loro distretto e sono responsabili dell’amministrazione del servizio sanitario. In due distretti hanno visitato i nostri ospedali partner per monitorare la pulizia e le misure precauzionali. Abbiamo ricevuto un feedback positivo, che è un incentivo per noi e per i nostri partner”. Scopri il nostro lavoro in Bangladesh

Tiangay Gondoe
Programme manager, Sierra Leone

“Da Agosto, la Sierra Leone ha registrato una drastica riduzione del numero di nuovi casi di COVID-19 e il governo ha allentato diverse restrizioni, tra cui il coprifuoco nazionale (dalle 11 alle 5) e il divieto di assembramenti pubblici. Le misure preventive e precauzionali per il COVID-19, come il distanziamento sociale e l’uso di mascherine, sono ancora in vigore in tutto il paese.

“Le nostre attività si sono adattate per integrare la risposta del governo al COVID-19. I nostri partner hanno supportato e integrato le attività di sensibilizzazione sul COVID-19 nel loro lavoro. Ad esempio, i messaggi sulla prevenzione della cecità evitabile sono stati adattati per condividere anche le informazioni sulla risposta al COVID-19. Le nostre attività di sensibilizzazione e screening oculistici sono state un’opportunità per sensibilizzare e condividere informazioni sull’igiene. Abbiamo anche fornito ai nostri partner linee guida e risorse sulle risposte alle emergenze per garantire che il loro lavoro non lasci indietro nessuno.

“Il COVID-19 ha aumentato la consapevolezza di dover seguire le misure di prevenzione e controllo delle infezioni con una maggiore enfasi sull’igiene e sul lavaggio delle mani. Ciò ha limitato la diffusione delle infezioni oculari dovute al tatto e al contatto”. Scopri il nostro lavoro in Sierra Leone

In Sierra Leone, le indagini sul tracoma nelle comunità locali sono state l'occasione per condividere informazioni sul COVID-19.

Nana Ama Tiwaa-Boateng
Project officer, Ghana

“Nonostante la variante Delta, la situazione in Ghana è migliorata enormemente negli ultimi due mesi e il Paese ha ricevuto ora quasi cinque milioni di dosi di vaccino COVID-19. Finora, più di un milione di persone hanno ricevuto la prima dose e più di 700.000 sono state completamente vaccinate.

“Tuttavia, stiamo ancora lavorando per fermare la diffusione del virus e garantire che le nostre attività siano sicure. Sono state sviluppate procedure operative standard e nelle strutture sanitarie sono stati forniti dispositivi di protezione individuale (DPI) come mascherine per il viso, disinfettante per le mani, guanti e rotoli di carta. Inoltre, seguiamo rigorosamente i protocolli nazionali COVID-19.

“Ma questo ha causato alcuni ritardi nel lavoro del programma a causa del tempo necessario per completare le valutazioni dei rischi e ottenere i DPI. A Febbraio e Marzo 2021, siamo stati in grado di fornire trattamenti per la cecità dei fiumi in 76 distretti e abbiamo raggiunto quasi 4 milioni di persone attraverso il Servizio Sanitario del Ghana. Abbiamo formato 1.772 operatori sanitari per supervisionare i volontari della comunità per la somministrazione di farmaci, che ha superato di gran lunga il nostro obiettivo di 1.000 persone. Questa formazione includeva anche informazioni sui sintomi di COVID-19 e sulle misure preventive. A più di 12.000 volontari della comunità è stato inoltre impartito un corso di aggiornamento sulle dosi di trattamento e sono stati istruiti sui sintomi e le precauzioni di COVID-19.

“Anche il modo in cui lavoriamo è cambiato. Prima della pandemia ci incontravamo principalmente di persona per incontri e workshop. Tuttavia, abbiamo scoperto che anche i workshop virtuali producono risultati e presentano vantaggi per i nostri pazienti e beneficiari. La pandemia ci ha portato a fare le cose in modo diverso in modo da poter garantire che le nostre attività non contribuiscano alla diffusione del virus. Ci ha anche mostrato l’importanza della pianificazione per circostanze impreviste e ora crediamo di essere più preparati a qualsiasi sfida futura”. Scopri i nostri risultati in Ghana

Barbara Anang Marok
Eye health project officer, Nigeria

“I casi segnalati di COVID-19 sono in aumento in Nigeria, ma i programmi per la salute degli occhi si sono adattati per funzionare in sicurezza durante la pandemia. Il lavaggio delle mani o l’uso di disinfettanti a base di alcol è fortemente incoraggiato e sono obbligatori i controlli della temperatura e l’uso dei DPI. Anche l’istruzione su COVID-19 è fondamentale e il team del progetto si impegna a garantire che vengano sempre prese le precauzioni.

“La dottoressa Amina Hassan Katsina, oculista pediatrica del National Eye Centre, ci ha parlato delle sfide del lavoro. “Non è comodo usare gli occhiali, indossare una visiera, una mascherina facciale e usare il microscopio per eseguire interventi chirurgici”, ha spiegato. “Ma io e i membri del team stiamo prendendo tutte le precauzioni necessarie per proteggere noi stessi e gli altri”.

“Nell’ultimo anno, il lavoro dei progetti per la salute degli occhi in Nigeria ha iniziato ad aumentare dopo il forte calo nel 2020. Il programma è intervenuto per colmare le lacune e soddisfare nuovi bisogni. Ad esempio, i campi chirurgici normalmente non fanno parte del progetto in Nigeria. Ma a causa del lockdown, l’arretrato di bambini che necessitano di cure è presto cresciuto. Per soddisfare questa richiesta, è stato organizzato e tenuto un campo chirurgico non appena le restrizioni sono state allentate. Questo è solo un esempio di come il nostro lavoro si evolve per aiutare le persone che durante il COVID-19 hanno bisogno di servizi per la salute degli occhi”. Scopri il nostro lavoro in Nigeria

Abrão Banqueiro Chale
Programme officer, Mozambico

“Il 24 settembre 2021, il presidente ha allentato le misure contro il COVID-19, tra cui l’uscita delle persone fino alle 23:00, la riapertura delle scuole e l’accesso del pubblico alle partite di calcio e al teatro. Anche il programma di vaccinazione ha funzionato bene, dando priorità a medici, insegnanti, autisti e anziani. Il secondo ciclo di vaccinazioni è ancora in corso.

“Dal 2020, abbiamo adattato il nostro modo di lavorare a causa della pandemia. I nostri obiettivi di chirurgia della cataratta sono stati ridotti da 120 operazioni a settimana a 90. Ma per stare al passo con la domanda, alcuni campi hanno funzionato per una settimana in più e sono stati in grado di effettuare 175 operazioni in due settimane.

“Sono state prese precauzioni contro il COVID-19 e i materiali sono stati distribuiti ai centri sanitari. Ciò includeva sapone, nastri di segnalazione, poster informativi, DPI, mascherine, gel igienizzante e secchi per la pulizia. Agli operatori sanitari della comunità sono stati forniti materiali di protezione COVID-19 quando hanno iniziato ad andare porta a porta per visitare i pazienti, evitando grandi assembramenti in ospedale.

“Ci siamo anche assicurati che il nostro lavoro non lasciasse indietro nessuno. A più di 200 famiglie di persone con disabilità sono stati dati secchi, sapone e nastro segnaletico. Circa 1.000 persone con disabilità hanno ricevuto mascherine.

“Ci sono state alcune cose che abbiamo imparato dalla pandemia. Il COVID-19 ha insegnato a tutti l’importanza di un ambiente igienico e pulito, che ha avuto un impatto positivo sulla salute degli occhi. Abbiamo visto che tutti hanno iniziato ad apprezzare i mezzi di comunicazione virtuali come Skype, Zoom, Microsoft Teams e WhatsApp. Questi strumenti ci hanno aiutato a tenerci in contatto, ma hanno anche permesso ai nostri team di lavorare con successo da casa.

“I media virtuali come la radio e la televisione sono diventati ancora più importanti come mezzo per condividere i nostri messaggi. Per la Giornata Mondiale della Vista del 2020, ne abbiamo approfittato e abbiamo promosso la salute degli occhi con due giornalisti dei canali televisivi nazionali TVM e STV. Per la Giornata Mondiale della Vista di quest’anno, stiamo organizzando una mostra di lavori scientifici in un centro sanitario e un ospedale ospita una galleria fotografica delle attività del nostro campo oculistico”. Scopri il nostro lavoro in Mozambico

Scopri di più sul nostro lavoro

Obiettivi Globali

Questi obiettivi sono stati adottati dalle Nazioni Unite per porre fine alla povertà, proteggere il pianeta e garantire prosperità a tutti entro il 2030.

Un bambino con gli occhi gonfi a causa del tracoma abbraccia la sua mamma.

Dona il tuo 5×1000

La tua firma è fondamentale per salvare un bambino dalla cecità. Segnati il nostro codice fiscale 97653640017 e spargi la voce tra amici e parenti!

Sightsavers Reports

Finchè c'e la mamma c'è speranza

Finché c’è la mamma c’è speranza e finché ci siete voi tanti bambini, mamme e papà saranno liberi dalla cecità. Continuate a portare il vostro bene nel mondo.